Skip to main content
foto

Commissioni paritetiche e trasparenza: ridurre le deduzioni dalla busta paga dei lavoratori

Contributi troppo elevati e mancanza di trasparenze sulle risorse finanziarie.

L’1% dedotto dalla busta paga dei lavoratori va ridotto al 0.50%

Le casse delle Commissioni paritetiche (Cp) sono colme a dismisura mentre le tasche dei lavoratori sono sempre più vuote, ma nessuno pensa di ridurre il pesante contributo contrattuale trattenuto dalle buste paga dei lavoratori e lavoratrici.

Per tali ragioni, l’organizzazione per il lavoro in Ticino (TiSin) chiede chiarezza sulla gestione degli ingenti mezzi finanziari (solo in Ticino decine di milioni di fr.) che fuoriescono dalle tasche dei lavoratori e confluiscono nelle ricche casse delle Cp senza che nessuno sappia (lavoratori e lavoratrici in primis) l’uso esatto che ne viene fatto.

L’importo versato dai lavoratori e lavoratrici corrisponde all’1% del salario percepito e nella stessa misura (1%) anche le imprese hanno l’obbligo di doverlo versare in rapporto alla massa salariale versata al personale.

È definito contributo di “solidarietà”, ma di fatto si tratta di una tassa contrattuale troppo elevata imposta ai lavoratori e lavoratrici che sono assoggettati a un contratto collettivo di lavoro, concordato tra organizzazioni sindacali e associazioni padronali.

TiSin ritiene che i contributi Contrattuali dei lavoratori e lavoratrici, definiti di “solidarietà”, vadano ridotti nella misura del 50% e gestiti con criteri di massima trasparenza e oculatezza, nonché finalizzati all’esclusivo interesse dai lavoratori e non per favorire interessi che nulla hanno a che fare con la materia contrattuale.

È opinione di Tisin che i tempi siano maturi per doverlo fare e in tal senso si adopererà con ogni mezzo affinché i lavoratori e le lavoratrici siano alleggeriti di tale balzello, non più giustificato dell’enorme massa finanziaria che confluisce nelle casse delle Cp.

In difesa del lavoro in Ticino!

Fissa un appuntamento con uno dei nostri collaboratori.